Certificato medico
  • 24 Sep 2020
  • 2 Minuti da leggere
  • Pdf

Certificato medico

  • Pdf

Da quale punto il datore di lavoro può chiedere un certificato medico?

Non esiste una norma di legge. In linea di principio, il datore di lavoro può deciderlo liberamente. La maggior parte dei contratti di lavoro prevede che il certificato medico debba essere presentato a partire dal terzo o quarto giorno di malattia.

Nel certificato medico può essere indicato il tipo di malattia?

No, la diagnosi rientra nel segreto medico.

Quali informazioni devono essere indicate nel certificato medico?

Il certificato medico deve riportare:

  • data
  • timbro
  • firma
  • data della consultazione (inizio del trattamento)
  • durata effettiva o minima dell'incapacità al lavoro
  • data della consultazione successiva

Chi paga il certificato medico?

L'obbligo della prova della malattia spetta al lavoratore, per cui è quest'ultimo che sostiene i costi.

Per i datori di lavoro

In qualità di datore di lavoro, cosa posso fare se un collaboratore è spesso assente per malattia, ma ogni volta solo per uno o due giorni e il regolamento sul lavoro richiede il certificato medico solo a partire dal terzo giorno?
In singoli casi avete il diritto di pretendere un certificato dal vostro collaboratore a partire dal primo giorno di malattia, anche se il regolamento di assunzione prevede disposizioni diverse.

Il certificato medico può essere emesso anche con effetto retroattivo se il collaboratore è stato in malattia ma non si è recato dal medico?

L'attestazione di un'incapacità al lavoro presuppone sostanzialmente che il medico abbia effettivamente visto il paziente. Se la consultazione avviene successivamente, i certificati medici emessi con effetto retroattivo per un paio di giorni (2-3 giorni) devono essere accettati. Tuttavia, la retroattività non dovrebbe superare in ogni caso una settimana.

In qualità di datore di lavoro, cosa posso fare se un collaboratore non mi consegna il certificato anche dopo ripetute richieste?

Il datore di lavoro ha il diritto di rifiutare il pagamento del salario fino a quando il collaboratore non ha presentato la prova della sua incapacità al lavoro.

In qualità di datore di lavoro, cosa posso fare se è stato emesso un certificato medico con l'indicazione che il collaboratore sarà assente «fino a nuovo avviso»?

Potete consultare il medico per chiedere quanto durerà a suo avviso l’incapacità al lavoro o per quando è prevista la consultazione successiva.

Per i lavoratori

Devo riferire al mio datore di lavoro di quale malattia soffro?

No. Spetta a voi decidere se informarlo in merito alla natura della vostra malattia.

Il mio datore di lavoro può richiedermi di consultare un medico di fiducia per ottenere una seconda opinione?

Sì, può farlo, ma deve sostenere i costi della consultazione. Inoltre, il medico di fiducia può esprimersi solo sull'incapacità al lavoro, ma non sulla diagnosi. Se rifiutate la visita, il datore di lavoro non è tenuto a pagare il vostro salario per la durata dell'assenza.

A quali domande del datore di lavoro può rispondere il medico senza violare il segreto medico?

Il medico può rispondere alle seguenti domande:

  • È stata effettuata una visita?
  • Quando è avvenuta la prima consultazione?
  • Quando è prevista la prossima consultazione?
  • Quanto durerà presumibilmente l’incapacità al lavoro?
  • Fino a che punto il paziente può lavorare a tempo parziale?
  • Qual è la causa (malattia o infortunio)?
  • Il medico ha una descrizione del posto di lavoro?
  • Il datore di lavoro può discutere con il medico i requisiti del posto di lavoro e dovrebbe segnalargli o segnalarle eventuali adeguamenti delle attività.
  • L'incapacità al lavoro è legata unicamente al posto di lavoro?
  • Il lavoratore sarebbe in grado di operare in un'altra attività?

Questo articolo è stato utile?